Consulenti del lavoro: quando sono responsabili del trattamento dei dati Precisazioni del Garante privacy dopo il nuovo Regolamento UE

Con risposta ad un quesito più volte  presentatogli, il Garante si è espresso relativamente al ruolo rivestito dal consulente del lavoro nel trattamento dei dati personali.

E dunque i consulenti del lavoro sono “titolari” quando trattano, in piena autonomia e indipendenza, i dati dei propri dipendenti oppure dei propri clienti quando siano persone fisiche, come ad esempio i liberi professionisti determinando puntualmente le finalità e i mezzi del trattamento. Sono, viceversa, “responsabili” quando trattano i dati dei dipendenti dei loro clienti sulla base dell’incarico ricevuto, che contiene anche le istruzioni sui trattamenti da effettuare. E’ il  caso, ad esempio, dei consulenti che curano per conto di datori di lavoro la predisposizione delle buste paga, le pratiche relative all’assunzione e al fine rapporto, o quelle previdenziali e assistenziali, trattando una pluralità di dati personali, anche sensibili, dei lavoratori.

Per leggere l’intero articolo.

Lascia un commento